Spitfire

Primordiale band italiano di heavy metal, ha sfidato gli oceani del tempo per arrivare fino a noi, con un CD che raccoglie per la prima volta, i cinque brani del demo “Heroes in the Storm” (1986), i due brani del 45 giri “Blade Runner” (1984), tre canzoni dal vivo del primo demo (1982) e un pezzo dal vivo tratto da un concerto del 1984. MITICO!!!!

Spitfire biografia:
Gli SPITFIRE nascono a Verona nel 1982, cavalcando l’onda dei nuovi gruppi hard rock e heavy metal che dall’Inghilterra conquistano Europa e America: può vantare il titolo di primo rappresentante cittadino del genere, e per anni sarà la rock band veronese con più seguito sul territorio nazionale.
La formazione, composta inizialmente da voce, due chitarre, basso e batteria, subisce fin da subito gli inevitabili assestamenti, ma nel frattempo registra un demotape dal vivo in presa diretta (Spitfire, Samurai, Beyond Price) e si fa conoscere anche a livello nazionale tramite articoli su fanzine, trasmissioni radio e recensioni sulla stampa specializzata (il mensile “Rockerilla” definisce il gruppo “gli Iron Maiden italiani”).
Dopo varie esibizioni dal vivo SPITFIRE raggiunge nella primavera del 1983 una formazione stabile, con Giacomo Gigantelli alla voce e basso, Stefano Pisani e Stefano Bianchini alle chitarre, Gaetano Avino (unico membro fondatore rimasto nella band) alla batteria.
Tutto l’anno è impiegato nella composizione di una grande quantità di pezzi nuovi, in concerti e in una campagna promozionale a tappeto su riviste specializzate e fanzine.
All’inizio del 1984 SPITFIRE dà alla luce il 45 gg Blade Runner/A Quiet Man, pubblicato e distribuito dalla Minotauro Records di Pavia, una nuova etichetta che esplora il panorama italiano hard rock e heavy metal (Strana Officina, Revenge, Paul Chain). Il disco è un passo importante per proporsi definitivamente al pubblico nazionale e per liberarsi dai residui vincoli cittadini: viene accolto positivamente dalla stampa (ufficiale e underground), dalle radio e dal pubblico, e porta a un breve tour italiano che dal maggio al luglio 1984 tocca, oltre naturalmente a Verona, città come Bergamo, Pavia, Napoli (dove SPITFIRE suona con Strana Officina e Vanadium in un Palatenda Partenope gremito di fans). Molti sono i contatti con l’estero (il 45 gg. arriva in Belgio, Olanda, Francia, Inghilterra, U.s.a.) e anche King Diamond, in occasione di una data italiana (20 febbraio 1984) dimostra interesse per il prodotto. Attualmente il 45 gg è un raro pezzo da collezione per gli appassionati del genere. Altri problemi di formazione rallentano il lavoro del gruppo durante il 1985, fino all’assestamento sul trio dei rimasti Giacomo Gigantelli (voce e basso), Stefano Pisani (chitarra) e Gaetano Avino (batteria). Durante tutto l’anno sono intensi i contatti con etichette straniere interessate al panorama rock italiano (Rave-On Records, Metal Blade, Axe Killer, Concret Warrior, King Classic). Questo è il periodo della piena maturità compositiva di SPITFIRE, che si esibisce ancora fino alla fine del 1986 e lascia come ultima testimonianza il demo “Heroes in the Storm” (Hurricane - I’m Free, Merchants of Death, Shadow of the Axe, Stones of Venice, Heroes in the Storm), che contiene le sessioni per un album che avrebbe dovuto uscire per la King Classic, e che è rimasto praticamente inedito a causa dell’improvviso scioglimento del gruppo. Nel frattempo, ironia della sorte, la rivista americana “Aardshock“ definisce gli SPITFIRE futura stella dell’universo metal, e due mesi dopo lo scioglimento arrivano la proposta per inserire un pezzo in una compilation metal americana e il contratto della King Classic pronto per la firma…
Terminato il sogno SPITFIRE, Giacomo Gigantelli militerà in qualità di voce nei bolognesi Danger Zone fino al loro scioglimento nel 1992, dopo una travolgente avventura americana e un album mai pubblicato; ora, dopo 10 anni sta lavorando a un suo progetto solista a cui ha collaborato anche Stefano Pisani; attualmente è il leader dei JULIET KISS, una straordinaria Kiss Tribute Band. Gaetano Avino diventerà batterista dei veronesi Ash/Novadiva, per poi ritarsi dall’attività. Stefano Pisani, dopo una parentesi di un anno con i concittadini Exile, formerà e suonerà in altri gruppi che toccheranno rock italiano, grunge e psichedelia (Vertigo, Madreterra), ed è tuttora in attività con un paio di stimolanti progetti rock. In occasione del primo 1980’s ITALIAN METAL LEGIONS ATTACK, del 22 luglio 2004 a Domegliara (VR), gli SPITFIRE si sono riformati con la line up originale, per un unico mitico concerto!!!

Contatti: giacomo@igiochideigrandi.it


Recensioni:

“Disco consigliato ai collezionisti di reliquie, per rendere giustizia postuma…” (Ulisse Carminati, Flash n. 162 – Luglio 2002).

“Questi brani sono assolutamente superiori alla maggior parte di quelli finiti su vinile all’epoca, oggi ricercati da collezionisti…” (Luca Di palma, RA RO! N. 134 – Giugno 2002).

“Il loro metal influenzato dalla NWOBHM…non manca di fascino nemmeno ora” (Sandro Buti, Metal Hammer n. 7 – Luglio 2002).

“Questo è un lavoro onesto e pieno di passione che andrebbe riscoperto dai cultori dell’epoca d’oro della nostra musica.” (Gianni Milanese, Rock Hard n. 4, Ottobre 2002).

“…alle volte i brani parlano anche attraverso il tempo….” (Igor Italiani, Metal Force n. 15 – Settembre/Ottobre 2002).




DISCO RANDOM
PAUL CHAIN

PROMISED LIE

BLACK HOLE

Spedizione/Shipping
MYRAGE